Le dirette Facebook e altre evoluzioni social

Category: social marketing
Social Marketing Tutorial

Le dirette Facebook e altre evoluzioni social

Negli ultimi tempi abbiamo assistito a vere e proprie rivoluzioni nel modo di comunicare con FB, neanche 2 anni fa non c’erano neanche i video, oggi siamo arrivati alle dirette. A livello di social marketing, non mi sento di dire niente di incredibile se affermo che le infografiche video sono state il vero successo del 2016, un modo di comunicare che dal basso ha influenzato anche il main stream, basti pensare a Repubblica che ormai ogni giorno ne pubblica almeno una, ma in Italia i veri guru di questo strumento sono stati quelli di Fanpage, che da sempre sono all’avanguardia nella comunicazione social, oltre ad essere i più seguiti in assoluto, onore alla più interessante realtà made in Napoli del web.

In Italia questa rivoluzione poi è passata attraverso il mondo delle ricette, dove l’infografica è un must, nuovo standard per la comunicazione instagram/facebook, che ne ha consacrato l’Infografica Video a nuovo standard.

Ma le rivoluzioni sui social non sono finite qui, anche la diretta, dopo vari tentativi, ha iniziato a trovare qualche format che riesce a far uscire fuori le potenzialità di questo strumento : i sondaggi. Tra i vari esperimenti fatti, di certo la diretta sui sondaggi, è un vero e proprio cult, ho visto veramente alcuni successi clamorosi, anche se ancora non ne comprendo a pieno le potenzialità di monetizzazione.

L’altro grande filone 2016 è stato quello delle false dirette, che sono riuscite a fare numeri pazzeschi, e che per il momento hanno solo dimostrato che con il prodotto giusto, si può avere un pubblico di varie decine di milioni di utenti.

Ed il falso è l’altro grande successo social, i siti di bufale, la fanno da padrona per quanto riguarda il traffico spazzatura, milioni di visite, per notizie neanche false ma non realistiche, che però alla fine molti pensano vere, io stesso, sono rimasto sconvolto da persone di una certa cultura, che credevano a notizie palesemente false, questo forse spiega il bipolarismo italiano, che sfocia nel cliente tipo :

– Voglio fare il salto di qualità per la mia azienda –

– Quanto ha deciso di investire, ha un budget ? –

– No mi dica lei, siete voi i professionisti –

– 120 mila € l’anno, ci sembra una cifra adeguata –

– Ma noi pensavamo a 200/300 € al mese –

– Possiamo provare qualcosa ma di certo non ci sarà nessun salto di qualità, a meno che il suo prodotto non sia super atteso dal mercato, e sinceramente il suo non mi sembra un settore così esplosivo –

Questo è quello che i social e la realtà offrono, secondo il mio modesto parere, viva il 2017!!!

Logo

Vuoi far diventare
la tua azienda una mucca viola?
Contattaci!

«

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *